Castello Aragonese d`Ischia informazioni e Storia

Castello Aragonese Ischia
Il Castello Aragonese fu costruito su un isolotto di roccia trachitica che era collegato all`Isola d`Ischia tramite un ponte di muratura con un alunghezza di circa 220 metri.
La prima fortezza fu costruita nel 474 a.C. dal Greco Siracusano Gerone I, venuto in aiuto dei Cumani nella guerra contro i Tirreni.
Furono erette, tra l'altro, alte torri per sorvegliare il movimento delle navi nemiche. Finita la guerra, Gerone ritenne l'isola. Venne poi occupata dai Partenopei.
Nel 326 a.C. se ne impossessarono i Romani e poi nuovamente i Partenopei. I saccheggi e le lunghe dominazioni dei Visigoti, Vandali, Ostrogoti, Arabi, Normanni, Svevi, Angioini trasformarono completamente la fortezza di Gerone. Nel 1301 l'ultima eruzione dell'Epomeo distrusse la città di Geronda, che sorgeva dove ora vegeta la pineta: la gente si rifugiò sull'isolotto.
Nel 1441 Alfonso d'Aragona ricostruì il vecchio Castello Angioino, congiunse l'isolotto all'isola maggiore con un ponte artificiale e fece costruire poderose mura e fortificazioni, dentro le quali quasi tutto il popolo d'Ischia trovò rifugio e protezione contro le incursioni dei pirati.
Verso i primi del 1700 la rocca ospitava 1892 famiglie, oltre il Convento delle Clarisse, l'Abbazia dei Basiliani di Grecia, il Vescovo col Capitolo ed il Seminario, il Principe con la guarnigione. Vi erano 13 chiese, di cui 7 parrocchie.
Verso il 1750, cessato il pericolo dei pirati, la gente cercò più comoda dimora nei vari comuni dell'isola d'Ischia.
Nel 1809 gli Inglesi assediarono la rocca, tenuta dai Francesi, e la cannoneggiarono fino a distruggerla quasi completamente. Nel 1823 il Re di Napoli mandò via gli ultimi 30 abitanti e ridusse il Castello a luogo di pena. Nel 1851 lo adibì a prigione politica. Successivamente divenne domicilio coatto.
Castello Aragonese Ischia
Nel Castello Aragonese di Ischia sono situate:
• La Chiesa dell'Immacolata, che fu costruita nel XVIII secolo in stile barocco; il cortile, il terrazzo e l'androne del Convento delle monache Clarisse che fu fondato dalla badessa Beatrice Quadra nel 1575.
• I ruderi della Cattedrale dedicata all'Assunta, eretta nel 1301 dal popolo della distrutta città di Geronda e che nel 1509, furono celebrate le nozze tra la principessa Vittoria Colonna e il marchese di Pescara Ferrante d'Avalos;
• La cripta di San Pietro dalle pareti affrescate con pitture della Scuola di Giotto del 1300.
• La chiesa di San Pietro a Pantaniello costruita nel XVI secolo.
• Le prigioni dove furono rinchiusi vari prigionieri politici come: Poerio, Pironti, Nisco, Agresti e molti altri illustri del Risorgimento italiano.
• La Caffetteria del Monastero che si affaccia sulla magnifica baia di Sant`Anna dove si tengono le sfilate dei carri con i fuochi pirotecnici.
• Le mura ed i bastioni di difesa con camminamenti, fucilerie interne e giri di ronda.

Tutto il Castello Aragonese d`Ischia è costantemente animato da prestigiose manifestazioni culturali come esposizioni d'arte, concerti, rappresentazioni teatrali e conferenze che rendono ancora più piacevole la permanenza degli ospiti in questo luogo dove bellezza della natura e fascino della storia si fondono in maniera perfetta.
Castello Aragonese Ischia
Castello Aragonese Ischia
Castello Aragonese Ischia